lunedì 30 aprile 2018

#VIGNETTE / Il piccolo Renzi (Natangelo)

NATANGELO, 1985
'Il Fatto quotidiano', 29 aprile 2018, facebook, qui

In Mixtura i contributi di Natangelo qui
In Mixtura ark #Vignette qui

#SENZA_TAGLI / Renzi, analfabeta del proporzionale (Alessandro Gilioli)

Renzi - presupponendone la buona fede - si conferma un analfabeta della stessa legge elettorale che il suo partito ha proposto e votato.

In un sistema proporzionale le elezioni non le vince nessuno, a meno che non prenda il 51 per cento.

Certamente, nel nostro caso, non le ha vinte Salvini, che ha preso meno voti del Pd.

Ma nemmeno il M5S che rappresenta meno di un terzo dell'elettorato.

Non ha quindi nessun senso, in un sistema proporzionale in cui nessuno ha avuto la maggioranza assoluta - dire "chi ha vinto governi".

Basta vedere gli altri sistemi proporzionali: in Germania governa anche l'Spd che preso il 20 per cento, in Portogallo il partito arrivato primo è stato messo all'opposizione dai tre partiti che singolarmente hanno preso meno voti, ma insieme superano il 50. In Italia col proporzionale abbiamo avuto premier di partiti attorno al 10-11 per cento (Craxi) e perfino al 4-5 (Spadolini). E partecipavano al governo pure partiti poco sopra l'1 per cento come il pli. Malagodi non si sarebbe mai sognato di dire che voleva stare all'opposizione perché aveva preso l'1,5.

Renzi, fosse onesto, non menerebbe il torrone con queste sciocchezze da analfabeta del proporzionale ma direbbe semplicemente che non vuole andare a fare maggioranze come junior partner di un governo a centralità M5S perché non gli piace e perché ritiene che non gli convenga. Quindi che preferisce che governi il M5s con le destre, sperando di raccoglierne i frutti dall'opposizione. E che questo obiettivo perseguirà perche ha abbastanza senatori per farlo.

Sarebbe una posizione forse cinica ("il Paese vada pure alle destre perché mi conviene") ma almeno limpida, onesta, sincera.

Invece si inventa la palla che "chi ha vinto deve governare": che, in un sistema proporzionale in cui nessuno ha preso il 51, è un'ennesima finzione.

Ciò che sottovaluta è che le finzioni troppo evidenti puzzano - e vengono al nodo presto.

*** Alessandro GILIOLI, giornalista e saggista, facebook, 29 aprile 2018, qui


In Mixtura i contributi di Alessandro Gilioli qui
In Mixtura ark #SenzaTagli qui

#BREVITER / Immarcescibile (mf)

MasFerrario, facebook, 30 aprile 2018
(vedi 'ilfattoquotidiano.it', 30 aprile 2018, qui)

In Mixtura ark #Breviter qui

#HUMOR / La posizione sessuale più noiosa

via facebook, qui

In Mixtura ark #Humor qui

#SGUARDI POIETICI / Amai teneramente dei dolcissimi amanti (Alda Merini)

Amai teneramente dei dolcissimi amanti
senza che essi sapessero mai nulla.
E su questi intessei tele di ragno
e fui preda della mia stessa materia.
In me l'anima c'era della meretrice
della santa della sanguinaria dell'ipocrita.
Molti diedero al mio modo di vivere un nome
e fui soltanto una isterica.

*** Alda MERINI, 1931-2009, poetessa, aforista, scrittrice, da Fiore di poesia, Einaudi, 2014. Segnalato in 'larecherche.it', 27 febbraio 2018, qui

In Mixtura i contributi di Alda Merini qui
In Mixtura ark #SguardiPoietici qui

#MOSQUITO / Piazzale Loreto, lo scempio (Sandro Pertini)

Quando mi dissero che il cadavere di Mussolini era stato portato a piazzale Loreto, corsi con mia moglie e Filippo Carpi. I corpi non erano appesi. Stavano per terra e la folla ci sputava sopra, urlando. Mi feci riconoscere e mi arrabbiai: ‘Tenete indietro la folla!’. Poi andai al Cln e dissi che era una cosa indegna: giustizia era stata fatta, dunque non si doveva fare scempio dei cadaveri. Mi dettero tutti ragione: Salvadori, Marazza, Arpesani, Sereni, Longo, Valiani, tutti. E si precipitarono a piazzale Loreto, con me, per porre fine allo scempio. Ma i corpi, nel frattempo, erano già stati appesi al distributore della benzina. Così ordinai che fossero rimossi e portati alla morgue. Io, il nemico, lo combatto quando è vivo e non quando è morto. Lo combatto quando è in piedi e non quando giace per terra. Però, Oriana, bisogna anche capirlo il popolo. Bisogna capirla la plebe che ha sofferto infamie e miserie e prepotenze e, appena può, infila in una picca la testa della contessa di Lamballe. Bisogna allargare le braccia e dire: «Te lo sei voluto, contessa di Lamballe». Succederà lo stesso in Spagna quando si desteranno. Succederà lo stesso in Grecia, in Cile. È la nemesi della storia. E quando io parlo di socialismo...

[D: Pertini, cosa significa per lei la parola socialismo?]
Significa libertà. E libertà significa giustizia. Perché non può esserci libertà senza giustizia sociale e non può esserci giustizia sociale senza libertà. (...)

*** Sandro PERTINI, 1896-1990, 7^ Presidente della Repubblica (1978-1985), intervistato da Oriana Fallaci, 'L’Europeo', 27 dicembre 1973


In Mixtura i contributi di Sandro Pertini qui
In Mixtura ark #Mosquito qui

#SENZA_TAGLI / Avere un nemico (Vera Gheno)

Avere un nemico è una vera comodità. È strumentale a diversi disagi.

Intanto, lo si può accusare di tutto ciò che ci va storto. Ci possiamo sentire migliori di lui, più intelligenti, più illuminati. E se le cose vanno male, non è certo colpa nostra.

Possiamo odiarlo perché è così diverso da noi da avere sicuramente torto. Anche la situazione attuale del mondo è di certo colpa del nemico, non nostra. Il nemico ci dà la possibilità di compattarci fra noi, che la pensiamo in maniera simile, dandoci man forte a vicenda.

Tra l'altro, il nemico più comodo è quello senza volto: quando posso odiare "essi", è tutto più facile, più soddisfacente. Essi me li posso immaginare particolarmente brutti e cattivi, dato che la fantasia non ha limiti. E così, se essi sono bruttissimi e cattivissimi, io mi posso sentire ancora migliore.

Forse non ce ne rendiamo sempre conto, ma molte persone si sentirebbero sperdute, rimanendo senza un nemico. Insomma, è quasi una necessità che ci sia sempre un "essi" da odiare, con adamantina convinzione e tenacia.

*** Vera GHENO, sociolinguista, facebook, 28 aprile 2018, qui


In Mixtura i contriobuti di Vera Gheno qui
In Mixtura ark #SenzaTagli qui

domenica 29 aprile 2018

#VIDEO / Se vivere è un eterno cambiare (Stefano Massini)

Se vivere è un eterno cambiare
Stafano MASSINI, 1971
scrittore, drammaturgo, saggista
La7, PiazzaPulita, 26 aprile 2018
video 4min53

Uno dei tanti splendidi e intelligenti racconti di Stefano Massini... (mf)


In Mixtura i contributi di Stefano Massini qui
In Mixtura ark #Video qui

#SPOT / Colazione sull'erba oggi

via facebook, Denise Gambini, 26 aprile 2018, qui
Colazione sull'erba oggi

In Mixtura ark #Spot qui

#FUMETTI / La pallina (Charles M. Schulz)

Charles M. SCHULZ, 1922-2000
via web

In Mixtura i contributi di Charles M. Schulz qui
In Mixtura ark #Fumetti qui

#HUMOR / Finalmente un manichino serio

via facebook, qui

In Mixtura ark #Humor qui

#BREVITER / Sinistra, farsi dire no, ominicchi (mf)

MasFerrario, faceboook, 29 aprile 2018

° ° °

MasFerrario, facebook, 28 aprile 2018

° ° °

MasFerrario, facebook, 26 aprile 2018

In Mixtura ark #Breviter qui

#SGUARDI POIETICI / Si diventa scemi insieme (Valerio Grutt)

Si diventa scemi insieme
per la vita
col tempo ci si assomiglia.
Si regola il passo per attraversare
la strada, si finisce di mangiare
contemporaneamente.
Voglio diventare scemo con te
guardare i fiori esplosi sul davanzale
far crescere la terra con i sogni.
Essere insieme lo spettacolo
del giorno che comincia.

*** Valerio GRUTT, 1983, poeta, performer, Si diventa scemi insieme, da Dammi tue notizie e un bacio a tutti, Interno Poesia, 2018


In Mixtura ark # SguardiPoietici qui

MOSQUITO / Al lupo! al lupo! (José Saramago)

La storia, di solito raccontata dal nonno di famiglia, era infallibile durante le serate di provincia, non come semplice divertimento dei piccoli innocenti, ma come opera fondamentale di un buon sistema educativo, precursore, in qualche modo, del giuramento con cui i testimoni si rivelano, o rivelano, per essere sinceri, tutta la verità e nient’altro che la verità. (...) 
Ora, la storia del nonno raccontava di un giovane pastore di pecore che, forse per far passare le sue solitarie ore sul monte, decise un giorno di gridare “al lupo, al lupo”, di modo che la gente della campagna, armata di bastoni, spranghe e qualche carabina della penultima guerra, uscisse di corsa per difendere le pecore e, sulla strada, il pastore che le sorvegliava. Alla fine il lupo non c’era, era scappato per le grida, disse il ragazzo. Non era vero, come menzogna, però, era abbastanza convincente. Soddisfatto dal risultato della sua mistificazione, il nostro pastore decise allora di ripetere lo scherzo e, ancora una volta, i contadini risposero in massa. Ma niente, del lupo neanche l’ombra. La terza volta, però, nessuno mosse un piede fuori casa, si era capito che il pastore mentiva con tutti i denti che aveva nella bocca, gridi pure, si stancherà. Il lupo prese le pecore che voleva, mentre il ragazzo, abbarbicato su un albero, assisteva impotente al disastro. 
Nonostante il tema di oggi non sia questo, colgo l’occasione per ricordare le volte in cui molti di noi gridano “al lupo, al lupo!”. Erano molti di più quelli che negavano l’arrivo del lupo, ma alla fine è venuto e portava una parola sul collare: crisi. 

*** José SARAMAGO, 1922-2010, scrittore e poeta portoghese, premio Nobel per la letteratura nel 1998, Al lupo! Al lupo!, blog ‘Quaderno di Saramago’, versione italiana del blog portoghese ‘O caderno de Saramago’, traduzione di Massimo Lafronza, 24 marzo 2009, qui


In Mixtura altri 5 contributi di José Saramago qui

#SENZA_TAGLI / Sorella, io sì ti credo (Marco Furfaro)

Cinque uomini stuprano una ragazza di diciotto anni. Ma non è una violenza, è un abuso. Perché i giudici spagnoli (lo stupro avvenne nel 2016 a Pamplona) sentenziano che la ragazza non si ribellò, non oppose resistenza. Quindi non è violenza, ma abuso.

Difficile pensare a tanta stupidità, difficile non capire come quella ragazza era paralizzata dal terrore. Come del resto fu trovata poco dopo. Una sentenza che ha scosso molti. Perfino una comunità di suore di clausura, che in una bellissima lettera solidarizzano e ribadiscono il diritto di ogni donna di poter essere libera.

"Noi viviamo in clausura, indossiamo un vestito che arriva quasi alle caviglie, non usciamo mai la notte (tranne le emergenze), non andiamo alle feste, non beviamo alcolici e abbiamo fatto voto di castità. E' una scelta che non ci rende migliori o peggiori di nessuno, sebbene paradossalmente ci rende più libere e felici di molte. E proprio perché è una scelta libera, difendiamo con tutti i nostri mezzi a nostra disposizione (e questo è uno di quelli) il diritto di tutte le donne di fare liberamente il contrario senza per questo essere giudicate, violentate, intimidite, assassinate o umiliate. Sorella, io sì ti credo".

Pure io, pure noi. #yositecreo

*** Marco FURFARO, facebook, 28 aprile 2018, qui


In Mixtura i contributi di Marco Furfaro qui
In Mixtura ark #SenzaTagli qui

sabato 28 aprile 2018

#VIGNETTE / Pd, i miracoli della natura (Natangelo)

NATANGELO, 1985
'Il Fatto Quotidiano', 26 aprile 2018, anche facebook, qui
https://it.wikipedia.org/wiki/Mario_Natangelo


In Mixtura i contributi di Natangelo qui
In Mixtura ark #Vignette qui

#SPOT / Sei veramente libero

via facebook, 26 aprile 2018, qui

In Mixtura ark #Spot qui

#HUMOR / La macchina

via pinterest

In Mixtura ark #Humor qui

#ANIMALI / Mamma orsa

via pinterest

In Mixtura ark #Animali qui

#SGUARDI POIETICI / La miglior cosa da fare stamattina (Mariangela Gualtieri)

La miglior cosa da fare stamattina
per sollevare il mondo e la mia specie
è di stare sul gradino al sole
con la gatta in braccio a far le fusa.
Sparpagliare le fusa
per i campi la valle
la collina, fino alle cime alle costellazioni
ai mondi più lontani. Fare le fusa
con lei - la mia sovrana.
Imparare quel mantra che contiene
l'antica vibrazione musicale
forse la prima, quando dal buio immoto
per traboccante felicità
un gettito innescò la creazione.

*** Mariangela GUALTIERI, 1951, poetessa e scrittrice, La miglior cosa da fare stamattina, da Le giovani parole, Einaudi, 2015. 
https://it.wikipedia.org/wiki/Mariangela_Gualtieri


In Mixtura i contributi di Mariangela Gualtieri qui
In Mixtura ark SguardiPoietici qui

#VIDEO / Un esperimento sociale: furto al senzatetto (Kiko)


KIKO
Furto al senzatetto
(un esperimento sociale)
youtube 23 aprile 2018
(video 2min27)

"Se trovassi 100 euro li prenderesti? Anche a un senzatetto che dorme?": queste le provocatorie domande alla base del nuovo esperimento sociale dello youtuber milanese Kiko.Co. Che questa volta si è calato nei panni di un clochard addormentato all’angolo di una strada, apparentemente ignaro del fatto che qualcuno gli abbia lasciato ben 100 euro nel piattino di fronte al suo giaciglio improvvisato. Le banconote sono false, ma i passanti – le cui reazioni sono state filmate di nascosto – non lo sanno. Un video che fa riflettere, specialmente nella parte finale.
Immagini Facebook/Kiko.Co.Official (a cura di Lucia Landoni, qui)

In Mixtura i contributi di Kiko qui
In Mixtura ark #Video qui

venerdì 27 aprile 2018

#SPILLI / M5S-PD, e un appoggio esterno? (M. Ferrario)

A distanza di quasi due mesi dal voto, con il persistere del nulla di fatto in tema di possibile governo, come ognuno dei 40 milioni di cittadini italiani adulti sono ben contento di non dovermi trovare nei panni del Presidente della Repubblica.
Il garbuglio è tale che anche la soluzione del 'governo del Presidente', immaginata come ultima carta, appare sempre più improbabile, per il facile rifiuto, già anticipato, dei due partiti 'vincitori' e per la disponibilità ad oggi non scontata, e peraltro numericamente insufficiente anche se concessa, di ogni altra forza parlamentare. Altamente probabile, invece, si prospetta l'ipotesi di nuove elezioni, tra l'altro ad oggi in assenza di una legge elettorale che mandi al macero il rosatellum: una norma che, se pure non è colpevole dello stallo in cui siamo, resta comunque uno strumento pessimo, oltre che per aver sottoposto agli elettori dei nominati, impedendogli di scegliere chi eleggere, anche (e forse soprattutto) per non aver trovato il 'giusto' equilibrio fra le due esigenze oggi entrambe avvertite come critiche in un sistema elettorale e che dovrebbero tenere insieme rappresentatività con governabilità.

In questi giorni, comunque, dopo la chiusura del fronte M5S-CentroDestra, sembra attivarsi il fronte M5S-PD. E l'idea di un governo possibile fra due partiti che per cinque anni si sono sparati insulti quotidiani suscita reazioni vivaci e crescenti in ambedue le basi elettorali.

Credo sia comprensibile. E ancora più comprensibile penso sia la resistenza, quando non il rifiuto aprioristico, dei renziani.
Non ho problemi ad affermare questo perché chi mi conosce non può dubitare del mio antirenzismo radicale, negli anni diventato sempre più virulento. Renzi e i suoi accoliti, rappresentati da un ceto pseudodirigente 'uso ad obbedir tacendo', quando non ad applaudire il capo sempre più tronfio e arrogante ad ogni sconfitta, hanno distrutto tutto il distruttibile, partito compreso: mescolando dosi perverse di scelte politiche sbagliate e modalità di azione autoriferite e strafottenti, in una ricerca impudente di potere percepito vantaggioso solo per un gruppo di privilegiati.
Eppure, anche se Renzi e i suoi più stretti seguaci non esistessero numerosi come sono e capaci di condizionare il partito, l'ipotesi di un accordo di governo tra PD e M5S continuerebbe ad apparirmi assai improbabile.

Sì, Di Maio ha spiegato con chiarezza la differenza tra 'contratto' e 'alleanza', cercando di tranquillizzare le due basi di M5S e PD sulla rispettiva reciproca alternatività delle impostazioni di fondo.
Ma questa rassicurazione non scioglie i dubbi: stare al governo con visioni diverse, tanto distanti da essere su molti punti opposte, come oggettivamente è tra M5S e PD, renderebbe quanto meno problematica la realizzazione di qualunque 'contratto', per quanto dettagliato e 'alla tedesca'. Anche perché 'alla tedesca' significa appunto che il 'contratto' non sarebbe 'tedesco', ma 'alla italiana'. E questo farebbe la differenza sostanziale.
E poi, particolare fondamentale finora sottaciuto da ogni commentatore, il patto sarebbe siglato senza essere preceduto da una aperta e abbondante autocritica, da parte della dirigenza e della base, circa le politiche e le prassi fin qui adottate dai due partiti, sia rispetto ai contenuti (fino a ieri promossi con grande strepito di fanfare, nella convinzione assoluta e dogmatica che avrebbero 'salvato l'Italia'), sia rispetto alle reciproche relazioni, fin qui ostentatamente tenute sulla punta delle armi ogni giorno dell'anno da cinque anni.
Insomma, tutto si può fare: anche rivoltare a U visione, valori, politiche, comportamenti. Ma ci vuole tempo per digerire e far digerire il cambiamento quando si vuole mettere in campo una inversione e non un adattamento, o, peggio, un camuffamento opportunistico. Altrimenti, nel migliore dei casi è forzatura 'innaturale' che implode alla prima occasione; e nel peggiore dei casi è (auto)inganno, con relativa presa in giro di militanti, elettori, cittadini.

E allora, che si fa? 
Che si fa, soprattutto, per impedire la saldatura, al momento evitata ma mai scongiurata, tra M5S e Lega: un'accoppiata pericolosa, soprattutto per le spinte populisticamente xenofobe, sovraniste e antieuropee di cui Salvini si è fatto interprete e promotore attivo lungo tutto lo Stivale?

Mi è già capitato di dire che, ferma restando, a mio parere, l'estrema improbabilità del successo di un accordo in forma di 'contratto' tra M5S e PD, io vedrei almeno due condizioni indispensabili perché comunque si tenti questa strada: 
(1) La prima è la preventiva messa fuori campo sia di Di Maio che di Renzi, ambedue simboli incandescenti del contrasto storico fra i due partiti.  
(2) E la seconda è l'abbandono, da subito, dell'idea di un governo a due M5S-PD e la sua sostituzione con lo sforzo di costruire un monocolore M5S con appoggio esterno PD. 

So le obiezioni: (a) I due, Di Maio e Renzi, non si tireranno mai indietro. (b) L'appoggio esterno PD lascerebbe il M5S appeso al filo del possibile continuo ricatto PD.

Entrambe le obiezioni sono più che fondate e rischiano di chiudere la strada prima ancora che venga aperta. 
Tuttavia credo che la condizione del monocolore M5S, per quanto improbabile, sarebbe l'unica possibile che un PD, anche finalmente derenzizzato, potrebbe accettare senza dover capitolare di fronte alla sua immagine e alla sua storia. Senza contare che un coinvolgimento di potere del PD in un governo con M5S in ruoli ministeriali, a maggior ragione se 'pesanti', se pure spingerebbe il PD  ad esercitare una forza stabilizzante, farebbe a cazzotti con il disastro elettorale subìto dal partito il 4 marzo scorso.

Tutto questo, comunque, senza che venga dimenticato un dato oggettivo di sfondo, non rimuovibile: al di là della riuscita di ogni 'contratto' (oggi M5S-PD, domani, chissà, M5S-Lega, essendo del tutto svanita l'ipotesi M5S-Centro-Destra, ma non l'ipotesi di uno sganciamento di Salvini da Berlusconi), i numeri parlamentari per le due eventuali tipologie di fiducie restano quanto mai risicati: e questo renderebbe qualunque navigazione di governo in balìa di venti continui, capaci di rovesciare vascelli di qualunque carico.

Come si vede, è alta l'eventualità che il Presidente della Repubblica sia presto chiamato ad esercitare la sua prerogativa, non invidiabile, di stabilire i tempi e i modi per nuove elezioni.

Forse non è una drammatizzazione dire che il 'sistema' (che anche noi abbiamo contribuito a mettere in campo) sta scherzando con il fuoco e sperare che il finale sia meno oscuro e inquietante di come al momento ci appare. 

*** Massimo FERRARIO, M5S-PD, e un appoggio esterno?, per Mixtura


In Mixtura ark #Spilli qui

#SPOT / Il respiro dei bambini (Badu)

facebook, 26 aprile 2018, qui

In Mixtura ark #Spot qui

#SCRITTE / Vieni da me

via fecbook, qui

In Mixtura ark #Scritte qui

#SGUARDI POIETICI / Sto scrivendo da un tempo diverso (Simone Burratti)

Sto scrivendo da un tempo diverso,
dove tutte queste cose non sono piú importanti.

Ho sempre ferma in testa un’immagine di me
da bambino, e i suoi occhi sono buoni.

Vorrei che fosse l’unica immagine del libro,
ma è soltanto una mia proiezione, qualcosa che si è perso.

Scriverlo non significa salvarlo
ma tornare ad avere i suoi occhi per un attimo;

ripercorrere i movimenti della sua natura,
starlo a sentire, perdonare il suo futuro.

*** Simone BURRATTI, 1990, poeta, Sto scrivendo da un tempo diverso, da Progetto per S., Nuova Editrice Magenta, 2017. Segnalato in 'ipoetisonovivi.com', 8 gennaio 2018, qui


In Mixtura ark #SguardiPoietici qui

#SENZA_TAGLI / M5S, la mossa sbagliata (Enrico Mentana)

Alla fine aver messo sullo stesso piano Lega e Pd si rivelerà la mossa sbagliata del M5s. Non si può essere europeisti o euroscettici, per la Fornero o contro, per la flat tax o l'imposizione progressiva (e la lista sarebbe lunga) a seconda dell'alleato che ti dà i voti per andare a Palazzo Chigi. Non è ciò che il movimento ha predicato in questi cinque anni, e si avvicina sempre più al paradosso del Pd: che fece il governo con Forza Italia perché il M5s lo aveva rimbalzato, con ottimi argomenti che però ha nel frattempo dimenticato. Tutti a turno hanno una sana vocazione maggioritaria: ma quando poi i voti non bastano si diventa cultori delle alleanze...

*** Enrico MENTANA, giornalista, direttore di TgLa7, facebook, 25 aprile 2018, qui


In Mixtura i contributi di Enrico Mentana qui
In Mixtura ark #SenzaTagli qui

#MOSQUITO / Psicoanalisi, lasciare la guida al paziente (Carl Gustav Jung)

Anche qui per il principiante c’è il serio pericolo di cadere nel ruolo di consigliere e di distribuire suggerimenti. Per il paziente, gli sforzi che il medico compie in questo senso sono molto comodi, e quindi corruttori. In questa importante circostanza, come sempre nella psicoanalisi, bisogna lasciare la precedenza e la guida al paziente e ai suoi slanci, anche nel caso che la via seguita apparisse una falsa pista. L’errore è una condizione di vita non meno importante della verità.

*** Carl Gustav JUNG, 1875-1961, medico e psicoanalista svizzero, fondatore della psicologia analitica, Freud e la psicoanalisi, Opere 4, Principi terapeutici della psicoanalisi, Bollati Boringhieri, edizione digitale 2015
In Mixtura i contributi di Carl Gustav Jung qui
In Mixtura ark #Mosquito qui

#SENZA_TAGLI / Il caso Alfie e le nostre incoerenze (Anna Mallamo)

Non puoi fidarti della scienza quando credi che possa salvare Alfie e non fidarti quando ti dice che i vaccini sono indispensabili.

Non puoi approvare che sia data la cittadinanza italiana ad un bambino morente per accoglierlo e tentare di salvarlo e non preoccuparti dei bambini che potresti accogliere e salvare allo stesso modo.

Non puoi protestare perché sia data a genitori disperati la libertà di scegliere e poi opporti se una persona disperata vuole scegliere secondo le norme sul fine vita.

*** Anna MALLAMO, giornalista e blogger, facebook, 24 aprile 2018, qui


In Mixtura i contributi di Anna Mallamo qui
In Mixtura ark #SenzaTagli qui

giovedì 26 aprile 2018

#PIN / Pestarla, e 'pensiero positivo' (MasFerrario)


In Mixtura ark #Pin qui

#VIDEO #CARTONI / It's smarter to travel in groups


It's smarter to travel in groups
video 1min22

Tre casi che dimostrano come l'unione faccia la forza...
Poco più di un minuto per un'animazione graziosa e intelligente (mf)

In Mixtura ark #Video qui
In Mixtura ark #Cartoni qui

#HUMOR / The perfect storm

(via pinterest)

In Mixtura ark #Humor qui

#SPOT / Lui (Cesare Di Trocchio)

 
(facebook, 18 novembre 2016, qui)

In Mixtura i contributi di Cesare Di Trocchio qui
In Mixtura ark #Spot qui

#SGUARDI POIETICI / Bilanci (Pietro Ingrao)

Non c'è rumore di lacrime.
State quieti. Nessun
chiasso fa il pianto.

*** Pietro INGRAO, 1915-2015, politico e militante comunista, intellettuale, poeta, Bilanci, da Cinque poesie inedite di Pietro Ingrao (anni 2001-2008), in 'centro riforma dello Stato', 29 marzo 2018, qui


In Mixtura i contributi di Pietro Ingrao qui
In Mixtura ark #SguardiPoietici qui

#MOSQUITO / L'Intelligenza Artificiale ci sostituisce (Massimo Gaggi)

Ora anche molti economisti che si erano definiti tecnottimisti cominciano a riconoscere che «stavolta è diverso»: nelle rivoluzioni precedenti le braccia dell’agricoltura erano passate all’industria e quando anche qui erano arrivati i robot, quelle delle fabbriche erano emigrate verso lavori di maggior contenuto cognitivo. Ma ora l’intelligenza artificiale comincia a sostituire anche molte mansioni intellettuali degli addetti ai servizi e di varie categorie di professionisti: analisti, medici, commercialisti, agenti di viaggio, giornalisti, perfino avvocati. Le diagnosi di cancro e l’individuazione della terapia più appropriata per ogni singolo paziente cominciano a essere fatte, anziché dall’oncologo, da Watson, il supercomputer di IBM che aveva esordito nel 2011 battendo gli umani nel videoquiz Jeopardy!. Ma ormai ci sono anche i tribunali americani nei quali l’entità di una pena e quella della cauzione da pagare per rimettere un imputato a piede libero vengono decise servendosi dell’intelligenza artificiale, mentre le arringhe difensive vengono costruite utilizzando la capacità del computer di scandagliare la casistica giudiziaria scovando i processi basati su casi simili e analizzando i risultati ottenuti dagli altri avvocati. E poi gli articoli scritti da giornalisti-robot e molto altro ancora (IBM sta sviluppando versioni di Watson per le biotecnologie, la farmaceutica e l’editoria). Nessuno può dire con precisione fin dove arriverà questo processo di sostituzione, se e quanto sarà possibile salvare posti di lavoro insegnando all’uomo a lavorare meglio in simbiosi con le macchine (per ora Watson viene presentato come un collaboratore dell’oncologo al quale, però, resta solo da controllare la correttezza della diagnosi e delle terapie prescritte). E, comunque, non si può ignorare il rischio di terremoti sociali e politici: se l’impoverimento dell’America di mezzo ha prodotto il fenomeno Trump, cosa potrà accadere quando l’autista-robot sostituirà i tre milioni e mezzo di americani che si guadagnano da vivere guidando un veicolo, sia esso un camion o un taxi?

*** Massimo GAGGI, 1953, giornalista, saggista, Homo premium. Come la tecnologia ci divide, Laterza, 2018



In Mixtura ark #Mosquito qui

mercoledì 25 aprile 2018

#SGUARDI POIETICI / Fu un amore, amici (Mario Tobino)

Fu un amore, amici, 
che doveva finire; 
credemmo che gli uomini fossero santi, 
i cattivi uccisi da noi, 
credemmo diventasse tutta festa e perdono, 
le piante stormissero fanfare di verde, 
la morte premio che brilla 
come sul petto del bambino 
la medaglia alle scuole elementari. 
Con pena, con lunga ritrosia, 
ci ricredemmo. 
Rimane in noi il giglio di quell'amore.

*** Mario TOBINO, 1910-1991, scrittore, poeta, psichiatra, Fu un amore, amici, epigrafe a Il clandestino, Mondadori, 1962

In Mixtura ark #SguardiPoietici qui

#CIT / Ragazzi, godetevi la vita (Antonino Caponnetto)

Antonino CAPONNETTO, 1920-2002
 magistrato, coordinatore del pool antimafia, 
(da A. Caponnetto, convegno I giovani sentinelle della legalità
Firenze, 8 novembre 2010, Auditorium S.Apollonia) 

In Mixtura i contributi di Antonino Caponnetto qui
In Mixtura ark #Cit qui

#MOSQUITO / La legge morale, un istinto umano (Carl Gustav Jung)

La legge morale non è altro che una manifestazione esteriore dell’impulso, innato nell’uomo, a reprimere e domare sé stesso. Questo impulso all’addomesticamento о alla civiltà si perde negli insondabili e oscuri abissi della storia dell’evoluzione, e non potrà perciò mai e poi mai venire considerato come la conseguenza d’un insieme di norme imposte dall’esterno. È l’uomo stesso che si è creato le sue leggi, obbedendo a un suo istinto. Perciò non possiamo capire i motivi dell’ansiosa repressione del problema sessuale nel bambino se teniamo conto solo degli influssi morali dell’educazione. I motivi reali sono radicati molto più profondamente nella natura stessa dell’uomo, nel suo sia pure tragico conflitto tra civiltà e natura, о tra coscienza individuale e sentimento collettivo.

*** Carl Gustav JUNG, 1875-1961, medico e psicoanalista svizzero, fondatore della psicologia analitica, Freud e la psicoanalisi, Opere 4, Un caso di nevrosi di una bambina, Bollati Boringhieri, edizione digitale 2015


In Mixtura i contributi di Carl Gustav Jung qui
In Mixtura ark #Mosquito qui

#SGUARDI POIETICI / 25 aprile (Alfonso Gatto)

La chiusa angoscia delle notti, il pianto
delle mamme annerite sulla neve
accanto ai figli uccisi, l’ululato
nel vento, nelle tenebre, dei lupi
assediati con la propria strage,
la speranza che dentro ci svegliava
oltre l’orrore le parole udite
dalla bocca fermissima dei morti
“liberate l’Italia, Curiel vuole
essere avvolto nella sua bandiera”:
tutto quel giorno ruppe nella vita
con la piena del sangue, nell’azzurro
il rosso palpitò come una gola.
E fummo vivi, insorti con il taglio
ridente della bocca, pieni gli occhi
piena la mano nel suo pugno: il cuore
d’improvviso ci apparve in mezzo al petto.

*** Alfonso GATTO,  1909-1976, poeta e scrittore, 25 aprile, da Tutte le poesie, Mondadori, 2001. Anche in 'interno poesia', 25 aprile 2017, qui


In Mixtura i contributi di Alfonso Gatto qui
In Mixtura ark #SguardiPoietici qui

#POETI RECITATI / Mi' padre è morto partigiano, di Roberto Lerici (lettura di Gigi Proietti)


Mi' padre è morto partigiano, 1976
dallo spettacolo A me gli occhi, please
Roberto LERICI, 1931-1992
editore, commediografo, sceneggiatore, autore televisivo
Testo recitato da Gigi Proietti
'canzoni contro la guerra', qui
video 6min37

Mi' padre è morto partigiano
a diciott'anni fucilato ner nord, manco so dove;
perciò nun l'ho mai visto, so com'era 
da quello che mi' madre me diceva:
giocava nella Roma primavera.

Mo l'antra notte, mentre che dormivo, 
sarà stato due o tre notti fa,
m'e' parso de svejamme all'improvviso 
e de vedello, come fusse vero;
sulla faccia c'aveva un gran soriso, 
che spanneva 'na luce come un cero.

- Ammazza, come dormi - m'ha strillato,
era proprio lui, ne so' sicuro,
lo stesso della foto che mi' madre 
ciaveva sur comò, dietro na fronda 
de palma tutta secca, benedetta,
un regazzino, che ride in camiciola, 
cor fazzoletto rosso sulla gola.

Ma siccome sognavo i sogni miei, 
pe' la sorpresa j'ho chiesto: - Ma chi sei?-
- So' tu' padre - ma detto lui ridenno 
- forse che te vergogni alla tua età
de chiamamme cor nome de papà? -

- No, papà, te chiamo come hai detto, 
me fa ride vedette ar naturale,
scuseme tanto se me trovi a letto, 
che voi sape'? Nun me posso lamenta',
nun so' un signore, trentadu' anni, 
davanti c'ho na vita,
ancora nun è chiusa la partita. -
Lo sai, da quanno mamma s'è sposata 
co' mi' padre, che invece è er mi' patrigno... 
credo sett'anni dopo la tua morte... -

A 'ste parole ho visto che strigneva un poco l'occhi, 
come quanno se sta ar sole troppo forte.
- Scusa papa', credevo lo sapessi -
Ma lui, ridenno senza facce caso, 
spavardo, spenzierato, m'ha risposto:

- Ma che ne so io de quello che è successo, 
io so' rimasto come v'ho lassato,
quanno giocavo, giocavo, giocavo...
giocavo a calcio e mica me stancavo, 
giocavo co' tu madre e l'abbracciavo,
giocavo co' la vita e nun volevo, 
coi fascisti però nun ce giocavo,
io sparavo, sparavo, sparavo. -

Poi m'ha toccato i piedi dentro al letto 
e ha fatto un cenno, come da di' - Sei alto! -
- E dimmi - dice - prima d'anna' via, 
che n'hai fatto della vita 
che t'ho dato giocanno co la mia... 
Vojo sape' sto monno l'hai cambiato?
Sto gran paese l'avete trasformato? 
L'omo novo è nato o nun è nato?
In qualche modo c'avete vendicato? 
- e rideva co' l'occhi, coi capelli,
sembrava quasi lo facesse apposta. 
Me sfotteva, capito, quer puzzone
rideva e aspettava la risposta.

- Ma tu che voi co' tutte 'ste domanne? 
Mo' perché sei mi' padre t'approfitti.
Tu m'hai da rispetta', io so' più grande!
Va beh adesso accampi li diritti 
perché sei partigiano fucilato... 
ma se me fai sveja' io t'arisponno, 
mabbasta solo che aripijo fiato.

Certo che la vita è migliorata! 
Avemo pure fatto l'avanzata.
Travolgente hanno scritto sui giornali. -

- Mejo così - me fa - se vede che è servito... 
vedi quanno che m'hanno fucilato
Nun ho strillato le frasi de l'eroi 
pensavo a voi che sullo stesso campo 
avreste certo vinto la partita 
pure che io perdevo er primo tempo. -

- No, un momento papà, te spiego mejo... 
nun è che avemo proprio già risorto
nella misura in cui ci sta er risvorto emh... 
E allora quer ragazzo de mi' padre 
che stava a pettinasse nello specchio 
s'arivorta me fissa e me domanna:
- Ma insomma, adesso er popolo comanna?-

Qui so zompato sur letto, co' na mano 
m'areggevo le mutanne, co' l'altra 
cercavo de toccallo, e nun potevo.
Allora j'ho parlato, 
perché m'aveva preso come 'na malinconia 
e nun volevo che se ne annasse via 
prima de sape' bene come è stato.

- Sei ragazzo, papa', come te spiego 
nun poi capi' come cambia er monno.. 
Ce vole tempo, er tempo se li magna 
i sogni nostri, io, sai che faccio, aspetto! 
Tutto quello che viene, io l'accetto, 
semo contenti se la Roma segna, 
li compagni so' tanti e li sordi pochi...
e nun ce sta più tempo pe' li giochi! -

- Ma so' sempre quelli te strappano le penne, 
ma tu nun poi capi' papa', sei minorenne, 
se eri vivo te daveno trent'anni, 
mejo che torni da dove sei venuto, 
perché quelli che t'hanno fucilato, 
proprio quelli lì qui te fanno mori' tutti li giorni! 
Lassa perde papà, qui nun e' aria, 
semo cresciuti...nun semo piu' bambini, 
torna a gioca' co' l'artri regazzini
che hanno fatto come hai fatto tu, 
noi semo seri...e nun giocamo più.

A 'sto punto mi padre s'e' stufato, 
ha fatto du' spallucce, un saluto,
s'è rimesso in saccoccia la sua gloria 
e vortanno le spalle se n'e' annato
ripetendo nel vento la sua storia:

- Ma che ne so io de quello che è successo, 
io so' rimasto come v'ho lassato,
quanno giocavo, giocavo, giocavo...
giocavo a calcio e mica me stancavo, 
giocavo co' tu' madre e l'abbracciavo,
giocavo co' la vita e nun volevo, 
coi fascisti io però nun ce giocavo... 
io sparavo, sparavo, sparavo.

In Mixtura ark PoetiRecitati qui

#CIT / 25 aprile, essere liberi (Marguerite Yourcenar, Massimo Jatosti)

Marguerite YOURCENAR, 1903-1987
scrittrice francese
Massimo JATOSTI, 1960
disegnatore
(fonte della citazione non individuata)

In Mixtura i contributi di Marguerite Yourcenar qui
In Mixtura i contributi di Massimo Jatosti qui
In Mixtura ark #Cit qui

#MOSQUITO / La spoliticizzazione completa dell'Italia (Pier Paolo Pasolini)

Prevedo la spoliticizzazione completa dell'Italia: diventeremo un gran corpo senza nervi, senza più riflessi. Lo so: i comitati di quartiere, la partecipazione dei genitori nelle scuole, la politica dal basso... Ma sono tutte iniziative pratiche, utilitaristiche, in definitiva non politiche. La strada maestra, fatta di qualunquismo e di alienante egoismo, è già tracciata. Resterà forse, come sempre è accaduto in passato, qualche sentiero: non so però chi lo percorrerà, e come.

*** Pier Paolo PASOLINI, 1922-1975, poeta, scrittore, regista, sceneggiatore, drammaturgo, giornalista, scrittore, regista, citato da Luisella Re, Pasolini: Il nudo e la rabbia, Stampa sera, 9 gennaio 1975, segnalato in 'wikiquote', qui


In Mixtura i contributi di Pier Paolo Pasolini qui
In Mixtura ark #Mosquito qui

martedì 24 aprile 2018

#PIN / Belle persone e (MasFerrario)


In Mixtura ark #Pin qui

#CIT / Amore, il concetto infantile (Carl Gustav Jung)

citazione da 
Freud e la psicoanalisi, Opere 4, Principi terapeutici della psicoanalisi
Bollati Boringhieri, edizione digitale 2015

In Mixtura i contributi di Carl Gustav Jung qui
In Mixtuar ark #Cit qui

#HUMOR / Persone e libri

(via pinterest)
In Mixtura ark #Humor qui

#COSE_PASSATE / Bugatti Type 18, 1912

Bugatti Type 18, 1912
Ettore Bugatti (con giacca scura)

Ettore Bugatti (Milano, 15 settembre 1881 – Neuilly-sur-Seine, 21 agosto 1947) fonda la Bugatti nel 1909 a Molsheim, in Alsazia (allora in Germania, oggi in Francia). Proveniente da una famiglia di artisti, comincia progettando vetture per altri marchi e si distingue per la straordinaria capacità di abbinare meccanica e design. Nel 1910 esce dallo stabilimento alsaziano la prima auto, una Tipo 13 Brescia, prodotta fino al ‘26 in diverse cilindrate. L’11 agosto 1939, nei pressi della fabbrica, durante il collaudo di una Tipo 57, muore il figlio Jean, di 30 anni. L’azienda cessa l’attività nel 1963. Dal 1987 al ‘95 il marchio viene rilevato dall’imprenditore Romano Artioli, che riavvia la produzione con la Bugatti Automobili. Nel 1998 il marchio entra nel gruppo tedesco Volkswagen tramite la società finanziaria Bugatti Automobiles, costituita per l’occasione. Nel 2000 Ettore Bugatti entra nell’Automotive Hall of Fame. ('corriere.it', qui

In Mixtura ark #CosePassate qui

#SGUARDI POIETICI / Alle fronde dei salici (Salvatore Quasimodo)

E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.

*** Salvatore QUASIMODO, 1901-1968, poeta, premio Nobel per la letteratura nel 1958, Alle fronde dei salici, da Giorno dopo giorno, Mondadori, 1947.


In Mixtura i contributi di Salvatore Quasimodo qui
In Mixtura ark #SguardiPoietici qui

#MOSQUITO / Mai stato marxista, ma (Fabrizio De André)

Io sono un libertario, quindi non sono comunista e non sono mai stato marxista, ma quando vedo trattare Marx così male da gran parte della stampa estera e nazionale, mi si drizzano culturalmente e storicamente i capelli in testa.
Uno come Marx, un economista e un filosofo, che all'inizio dell'800 faceva un'analisi così precisa su città operaie invivibili, sfruttamento minorile, dilagare della prostituzione, problemi ancora oggi di attualità.
Non comprendo la demolizione del comunismo e del marxismo dalle fondamenta, perché comunque la teoria del plusvalore è la base delle socialdemocrazie.
Mi pare che questo nostro tempo sia proprio quello giusto per studiare con attenzione l'analisi che Marx fece della società proto-industriale della metà 800, e mi sembra altresì il tempo di incominciare a rileggersi Gramsci.

*** Fabrizio DE ANDRE', 1940-1999, cantautore, da Luigi Viva, Non per un Dio ma nemmeno per gioco. Vita di Fabrizio De Andrè, Feltrinelli, 2016.


In Mixtura i contribui di Fabrizio De André qui
In Mixtura ark #Mosquito qui